martedì 23 settembre 2008

Il miglior vino del 2007

Ho trovato un articolo del corriere della sera che parla del miglior vino esistente al mondo. Si tratta di un vino francese...

Il miglior vino del 2007? È francese
È lo Chateauneuf-du-Pape 2005 prodotto da Clos des Papes. Nella top 10 anche 2 italiani

È francese il miglior vino del mondo: lo Chateauneuf-du-Pape 2005 prodotto da Clos des Papes ha infatti scalato la classifica stilata dalla prestigiosa rivista di settore «Wine Spectator», aggiudicandosi il primo posto nella «Top 100 of 2007». L'annuncio è stato dato online sul sito della rivista. I 100 vini del 2007, provenienti da tredici Paesi, sono stati selezionati fra oltre 15 mila prodotti in tutto il mondo.

L'anno scorso a conquistare la vetta era stato invece un vino italiano, il Brunello di Montalcino Tenuta Nuova 2001, prodotto da Casanova di Neri.

Quest'anno, come nel 2006, sono due gli italiani che si sono piazzati nella top ten (leggi): il Tignanello 2004 di Antinori, al quarto posto, e il Bolgheri Superiore Ornellaia 2004 prodotto dalla Tenuta dell'Ornellaia, al settimo. Due anche i vini australiani e altrettanti i californiani mentre sono complessivamente 4 i vini francesi nei primi dieci.

Il prezzo medio delle migliori bottiglie di quest'anno è di 42 euro, rispetto ai 49 del 2006, a fronte di una qualità invariata rappresentata da un punteggio medio di 93.

Senza dubbio anche l'Italia è un paese strordinarimante vocato alla viticoltura (non dimentichiamo che i Greci la chiamavano Enotria, terra del vino). Purtroppo però questa vocazione del territorio non è stata mai sfruttata appieno. Pesano come un macigno le parole di quel viticoltore francese che negli anni '50 disse al grande Veronelli: "Voi da uve d'oro fate vini d'argento, noi da uve d'argento facciamo vini d'oro". Purtroppo aveva ragione.

2 commenti:

  1. ma i vini australiani fanno cagare!!!!!

    RispondiElimina
  2. Azz, questo gergo tecnico mi riporta agli anni passati in enoteca!

    RispondiElimina

Scrivi i tuoi commenti con la semplicità e la sincerità di un ebbro