lunedì 28 dicembre 2009

La teoria del barattolo di maionese e dei 2 bicchieri di vino

Questa storia mi è stata segnalata dall'ebbro f@ble
Un professore, prima di iniziare la sua lezione di filosofia, pose alcuni oggetti davanti a sé, sulla cattedra. Senza dire nulla, quando la lezione iniziò, prese un grosso barattolo di maionese vuoto e lo riempì con delle palline da golf. Domandò quindi ai suoi studenti se il barattolo fosse pieno ed essi risposero di si.

Allora, il professore rovesciò dentro il barattolo una scatola di sassolini, scuotendolo leggermente. I sassolini occuparono gli spazi fra le palline da golf. Domandò quindi, di nuovo, ai suoi studenti se il barattolo fosse pieno ed essi risposero di si.

Il professore rovesciò dentro il barattolo una scatola di sabbia. Naturalmente, la sabbia occupò tutti gli spazi liberi. Egli domandò ancora una volta agli studenti se il barattolo fosse pieno ed essi risposero con un si unanime.

Il professore tirò fuori da sotto la cattedra due bicchieri di vino rosso e li rovesciò interamente dentro il barattolo, riempiendo tutto lo spazio fra i granelli di sabbia. Gli studenti risero!

“Ora”, disse il professore quando la risata finì, “vorrei che voi consideraste questo barattolo la vostra vita. Le palline da golf sono le cose importanti; la vostra famiglia, i vostri figli, la vostra salute, i vostri amici e le cose che preferite; cose che se rimanessero dopo che tutto il resto fosse perduto riempirebbero comunque la vostra esistenza.

“I sassolini sono le altre cose che contano, come il vostro lavoro, la vostra casa, l’automobile. La sabbia è tutto il resto, le piccole cose.”

“Se metteste nel barattolo per prima la sabbia”, continuò, “non resterebbe spazio per i sassolini e per le palline da golf. Lo stesso accade per la vita. Se usate tutto il vostro tempo e la vostra energia per le piccole cose, non vi potrete mai dedicare alle cose che per voi sono veramente importanti.

“Curatevi delle cose che sono fondamentali per la vostra felicità. Giocate con i vostri figli, tenete sotto controllo la vostra salute. Portate il vostro partner a cena fuori. Giocate altre 18 buche! Fatevi un altro giro sugli sci! C’è sempre tempo per sistemare la casa e per buttare l’immondizia. Dedicatevi prima di tutto alle palline da golf, le cose che contano sul serio. Definite le vostre priorità, tutto il resto è solo sabbia”.

Una studentessa alzò la mano e chiese che cosa rappresentasse il vino. Il professore sorrise. “Sono contento che tu l’abbia chiesto. Serve solo a dimostrare che per quanto possa sembrare piena la tua vita: c’è sempre spazio per un paio di bicchieri di vino con un amico”.

sabato 26 dicembre 2009

L'incredibile intervista a Don Verzè

Video su YouTube

È stato candidato al Nobel per la pace ma purtroppo chi doveva decidere non ha avuto la lucidità e la forza di fare la scelta giusta. Forse però non tutto il male vien per nuocere perché i santi non ricevono ricompense per il loro operato nella vita terrena ed il nostro Presidente del Consiglio ha tutte le carte in regola per diventare santo!
Non mi credete? Guardando il video cambierete idea e se non lo fate vuol dire che siete il diavolo o peggio: comunisti!

mercoledì 23 dicembre 2009

Basta odio: troviamo 10 buoni motivi per non odiare Berlusconi!

Gli italiani mai come in questi ultimi anni sono divisi non dalla politica, ma dall'odio e dall'amore che, come due torrenti in piena, convergono sulla figura del Presidente del Consiglio.
Questo è un male che sta lentamente portando gli italiani, moderati per natura, ad estremizzarsi sia per difendere che per abbattere Berlusconi.

Certo, le azioni di Berlusconi contro le istituzioni (magistratura e Corte costituzionale in primis) ed il suo modo di fare in generale, fomentano l'odio nei suoi confronti più di qualsiasi discorso o affermazione di un qualsiasi esponente di quella che dovrebbe essere l'opposizione, ma almeno per una volta sarebbe bello andare oltre tutto quello che spinge ad odiare Berlusconi e trovare 10 buoni motivi per non odiare. Diciamo basta sia all'odio che all'amore nei confronti di Berlusconi come di qualsiasi altro politico, perché la politica deve essere fatta solo di fede e di un altro tipo di passione. Cosa che oggi è difficile da vedere.
Soltanto se ci manteniamo neutrali, in qualità di elettori, possiamo condannare con assoluta fermezza e lucidità la politica berlusconiana ed assicurarci che mai più si possa ripetere un abominio come quello che ha caratterizzato la politica italiana degli ultimi decenni.

venerdì 18 dicembre 2009

Lettera a Babbo Natale

Siamo arrivati agli sgoccioli di questo anno ed è il caso di scrivere una bella lettera a Babbo Natale.

Caro Babbo Natale, nessuno nasce cattivo però al mondo esistono tante cose cattive, come mai? Forse perché la ragione che ci guida è imperfetta e paghiamo le conseguenze delle nostre decisioni sbagliate e dei nostri errori. Siamo deboli e spesse volte quando pensiamo a qualcosa di buono che può fare del bene non riusciamo a portarlo avanti per mancanza di volontà oppure veniamo ostacolati da chi ha interessi nel fare del male. È stato sempre tutto così? Da quanto tempo esiste l'uomo? La nostra ignoranza e la nostra stupidità è la causa della nostra sofferenza, ma allora perché siamo ignoranti e stupidi? A volte mi chiedo se non sarebbe stato meglio se non fossimo quello che siamo perché troppe cose, più di quante si è solito immaginare, gravano sulle nostre spalle a causa della nostra natura e per poter preservare il nostro equilibrio e quello di tutte le altre cose, dovremmo o migliorarci infinite volte o retrocedere ad uno stadio più basso dell'evoluzione, ma di certo non restare così come siamo perché stiamo distruggendo il mondo.
Il regalo che vorrei non è solo per me, ma per tutti coloro che lo vogliono: io ti chiedo di distribuire maggiore coscienza e consapevolezza, per darci almeno la possibilità di piangere qualora in futuro tutti i buoni propositi nati e mai nati della nostra triste esistenza, dovessero essere soffocati dalla solita ignoranza e stupidità di chi si rifiuta di capire cosa è veramente importante.

lunedì 14 dicembre 2009

Nuova tipologia di reato

Berlusconi feritoPresto potrebbe essere introdotto un nuovo reato nel codice penale: "vilipendio al muso di Berlusconi" che prevede la detenzione a 10 anni di carcere per tutti quelli che colpiscono i berlusconi al muso. Per questa nuova tipologia di reato non è consentito nessun tipo di abbuono per infermità mentale.

In Italia è tempo di cambiare: da oggi in seguito al colpo che ha fatto tremare l'Italia, il Governo Berlusconi potrebbe scegliere di non limitarsi più a fare leggi e riforme solo per parare il culo al Presidente del Consiglio e ai suoi amici, ma anche per affossare tutti quelli che hanno fatto un torto o semplicemente non vanno a genio al nuovo sultano moderno.
Sarebbe una svolta significativa nella politica berlusconiana

martedì 8 dicembre 2009

Una gran bella manifestazione

sardegna No B Day
Sabato 5 dicembre si è tenuta a Roma la manifestazione contro Berlusconi che stavo aspettando da un po' di tempo: il no Berlusconi Day che mi risulta essere la terza manifestazione di vasta portata organizzata interamente su internet, grazie a Facebook, contro il Governo Berlusconi. Le altre due manifestazioni sono state i V day organizzati da Beppe Grillo. La cosa interessante è che i politici hanno subito capito che manifestazioni come questa sono ottime occasioni per raccogliere voti e così, anche se nessun politico è potuto salire sul palco, questa volta hanno sfilato nel corteo bandiere di alcuni partiti di sinistra come quelle rosse di Trotsky, i verdi, ovviamente l'IDV e in numero esiguo anche quelle del PD, ma ovviamente le televisioni italiane hanno comunque evitato il più possibile di parlare della manifestazione.
palco No B dayPer circa 4 ore di corteo prima di giungere in piazza, i manifestanti non hanno fatto altro che cantare cori, anche molto spinti, contro il Presidente del Consiglio chiedendo le sue dimissioni pur sapendo che se Berlusconi si dimettesse in seguito a proteste come questa o peggiori, non sarebbe quell'uomo che tutti vorrebbero quantomeno allontanare dal Parlamento e dalla politica italiana.
Personalmente temevo l'infiltrazione di gruppi sovversivi volti a far danni e a creare scompiglio all'interno della manifestazione, ma fortunatamente non si è verificato nulla del genere nonostante i manifestanti siano stati circa un milione, se si considera che già dalle 15 era impossibile entrare in piazza San Giovanni per la folla, anche se la questura parla di 90.000 persone.
Ricordo a tale proposito che per il concerto del primo maggio solitamente la stessa piazza si riempie allo stesso modo e si ipotizzano addirittura due milioni di persone.
Io sono andato con un gruppo di Napoli di circa 200 persone senza nulla di viola addosso e per questo mi sono dovuto mettere lo smalto viola, ma solo sul dito medio di entrambe la mani e una simpatica spilla di stoffa a forma di fiore sempre viola.Striscione Il nostro striscione principale è quello che potete vedere nell'immagine e presenta questa scritta: "Dici di aver tolto la monnezza da Napoli, ma t'è scurdat ll'urdemo sacchett!" con la faccia di Berlusconi sopra a dei sacchi della spazzatura.
Questa probabilmente è l'ennesima manifestazione che funge da valvola di sfogo per la popolazione italiana che non sa cosa fare in attesa che l'era berlusconiana di corruzione e decadimento finisca. Il problema è proprio questo: noi aspettiamo.

martedì 17 novembre 2009

Super Mario!

link a Super Mario flash

Mario, che inizialmente si chiamava Jumpman, è considerato uno dei personaggi più importanti della storia dei videogiochi e dal 1981 ne ha fatta di strada anche se nel suo caso sarebbe meglio dire salti!
E a circa 30 anni dalla sua creazione da parte di Shigeru Miyamoto per la Nintendo anche io, in qualità di appassionato dei videogiochi, mi sento in dovere di rendergli omaggio nel mio blog!

Il link di sopra porta a uno dei tanti giochi in flash dedicati all'idraulico più famoso del mondo. Ho scelto proprio questa versione non solo perché più si avvicina all'originale, ma anche per via della possibilità che viene data ai giocatori di creare nuovi livelli. Io stesso ne ho creato uno che ho chiamato "L'antro della Sibilla" che sarebbe questo:



Per poter giocare ai livelli aggiuntivi creati dai giocatori dovete copiare ed incollare i codici come questo nello spazio dedicato al "level editor" del gioco. L'operazione è molto più facile a farsi che a dirsi quindi per farla breve cliccando qui potrete scaricare il video con le istruzioni.
Guarda il video su You Tube
Se poi vi piacerebbe anche creare nuovi livelli, allora ho messo su YouTube un video di 9 minuti che mostra come fare. Creare nuovi livelli è molto semplice e le possibilità sono tantissime!

mercoledì 14 ottobre 2009

Il gioco nel Cilento

Nei mesi invernali l’esigua popolazione cilentana si diverte un mondo a spalare la neve, ripulire i canali di irrigazione dell’acqua per i campi, recuperare la pecora pioniera che si avventura in chissà quale selva oscura. Ma questi giochi vengono praticati soltanto dagli adulti. I ragazzi passano le giornate ad inseguire un pallone o a scappare dai lupi, che fra l’altro sono sempre meno numerosi. Capita anche qualche volta che qualcuno faccia qualcosa di originale che non sarebbe divertente se non fosse assurdo, e giù di lì a parlare per mesi dell’avventura, prodezza, capolavoro o grande cavolata compiuta.
Bando agli scherzi! Nel Cilento, in realtà, vengono praticati ancora molti giochi ormai sconosciuti in altri posti. È possibile suddividere questi giochi per età dei praticanti. Per gli adulti è sicuramente interessante il gioco del caciocavallo: le squadre dei partecipanti, che possono essere di numero pari o dispari, utilizzano un caciocavallo semi-stagionato da tenersi nel palmo della mano per essere lanciato con un tiro simile a quello del bowling. L’abilità è nel saper accompagnare il peso durante il tiro controllato in modo da dare un angolo di uscita dai trenta ai quaranta gradi rispetto alla strada. Lo scopo del gioco è quello di arrivare per primi a completare il percorso, che non è inferiore ai 400 metri. La testa del caciocavallo durante il rotolamento lo fa girare a destra o a sinistra in modo da superare le eventuali curve e ostacoli del percorso. L’abilità richiesta è quella di riuscire ad imprimere la giusta dose di forza al caciocavallo basandosi sul suo baricentro e sulle caratteristiche del percorso che si deve seguire. Al termine le squadre perdenti offrono una cena alla squadra vincente incassando le derisioni dell’altra squadra senza controbattere.
Mazza e piuzu invece è sicuramente il gioco più praticato dagli adolescenti. Esso richiede precisione e concentrazione, forza misurata e una certa rapidità nei movimenti.
Si utilizzano due bastoni di diversa lunghezza: quello corto, lu piuzu, di circa 15 cm., appuntito ad entrambi i lati, viene posato a terra e con il bastone più lungo, circa un metro, gli si dà prima un colpo su un’estremità facendolo saltare in aria, per poi colpirlo al volo nuovamente. A questo punto vince chi lancia lu piuzu più lontano possibile. Il perdente adda cacà la parredda: deve trasportare sulle spalle il vincitore per tutta la distanza coperta dal lancio del piuzu, ubbidendo a tutti gli ordini del vincitore che si fa corpo morto e lo cavalca come un asino.
Esiste anche la caccia alle lucertole che però richiede abilità notevoli perché si utilizza il semplice culmo di una graminacea perenne, flessibile e resistente, chiamato chiaccolo, alla cui estremità viene applicato un nodo scorsoio, che si fa sempre più stretto con le sollecitazioni. A questo punto con passo felino e senza mai guardare direttamente la lucertola ci si avvicina alla preda che si crogiola al sole. Si fa passare il nodo aperto intorno al collo della lucertola e si dà uno strattone. A questo punto il gioco è fatto. Molti dopo la cattura liberano la lucertola, mentre altri sono capaci delle torture più inaudite.
Non è possibile, in questa sede, parlare di altri giochi, che hanno una parte importante per la crescita serena di ogni cilentano. Attraverso i giochi, quasi sempre di gruppo, si socializza, si apprendono e si rispettano le regole, si impara a rispettare e a farsi rispettare. Peccato, soltanto che nel Cilento, ormai, bambini ne nascano veramente pochi e che la popolazione sia quasi del tutto costituita da anziani.

sabato 10 ottobre 2009

Di cosa parla Videocracy

Trailler di Videocracy su YouTube

locandina di VideocracyIl documentario del regista italo-svedese Erik Gandini racconta una buona fetta del sistema italiano in tutto il suo squallore concentrandosi soprattutto sulla televisione. Per buona parte degli italiani nel documentario non viene detto assolutamente nulla di nuovo, mentre per altri ancora non viene denunciato nulla di strano o di sbagliato ed infatti si tratta di un prodotto realizzato per una proiezione all’estero, non in Italia.
La cosa che ha suscitato più scalpore, procurando al contempo un sacco di pubblicità al documentario, è il rifiuto del trailler da parte di RAI e Mediaset. Anche se non si capisce come mai Mediaset, che ha negato la trasmissione del trailer e ha giudicato negativamente il documentario, in realtà abbia permesso al regista di filmare così tante scene dietro le quinte firmando le relative liberatorie.
Questo a mio avviso dimostra che il livello di censura nel nostro paese ha raggiunto un livello paranoico e che spesse volte è guidato dall'ignoranza perché si abbatte anche là dove non è necessario, procurando così un risultato opposto a quello voluto.

venerdì 25 settembre 2009

La Crus - Storia di un barbone

video su youtube
Ma com'è bello il vino
rosso rosso rosso
bianco è il mattino
sono dentro a un fosso
e in mezzo all'acqua sporca
mi godo queste stelle
questa vita è corta
è scritto sulla pelle

Ma com'è bello il vino
bianco bianco bianco
rosso è il mattino
sento male a un fianco
vita vita vita
sera dopo sera
sfuggi tra le dita
spera, mira, spera

lunedì 7 settembre 2009

Il centro di massa delle terre emerse

L'asse polare terrestre si sposta compiendo una rotazione completa ogni 26.000 anni. Ne risulta che la posizione delle stelle nel cielo, cambia con il passare del tempo. Pare che i Maya si fossero accorti di questa cosa ed è per questo che hanno fatto il calendario più lungo di sempre! Quasi 26.000 anni. Se è vero il detto "anno nuovo vita nuova" e che per questo ogni primo gennaio si buttano le cose vecchie, immaginate cosa doveva essere per i Maya con il loro calendario spropositato!
Dico questo perché le stelle che vediamo oggi si trovano in posizioni diverse rispetto a quando le piramidi furono costruite.
Quando nel 1964 l'astronoma Virginia Trimble ricostruì al computer il cielo dell'epoca delle piramidi scoprì che l'angolo del canale meridionale della camera del faraone, all'interno della Grande Piramide, punta esattamente sulla costellazione di Orione.
Siccome alcuni geroglifici trovati all'interno delle piramidi dicono che Osiride, dio della morte e della resurrezione, dimora in un luogo non precisato della volta celeste, è facile ipotizzare che forse la sua dimora si trovi nei pressi della costellazione di Orione.
Ad avvalorare questa ipotesi c'è un'ulteriore scoperta fatta nell'84 da Robert Bauval che dimostrò come lo schema delle 3 piramidi di Giza, riproduce esattamente quello delle 3 stelle: Delta, Epsilon e Zeta Orionis, che compongono la cintura di Orione. Egli inoltre notò che la data in cui la costellazione di Orione, nel suo moto apparente dovuto allo spostamento dell'asse terrestre, si trovava nel suo punto più basso era il 10.500 a.C., mentre le piramidi secondo la storia ufficiale sarebbero state costruite solo 8.000 anni più tardi.
Per gli antichi egizi il punto più basso all'orizzonte era di particolare importanza, dato che rappresentava l'inizio del tempo, essendo quello il momento in cui il dio Osiride, simboleggiato dalla costellazione di Orione, era nato.

Queste sono cose risapute, ma ora viene il bello: quando nel 1884, a New York, fu selezionato il meridiano di riferimento, una della proposte fu di non utilizzare il meridiano di Greenwich, bensì quello che passava per la Grande Piramide.
La cosa sarebbe forse stata più appropriata, visto che dividendo la massa terrestre in parti uguali, il parallelo est-ovest e il meridiano nord-sud, si incrociano esattamente in un punto, sulla Grande Piramide. La domanda sorge spontanea: come cazzo facevano gli egiziani o comunque la civiltà che ha costruito le piramidi a conoscere esattamente il centro di massa delle terre emerse compreso l'Antartide?
Non so se vi rendiate conto della portata di questa scoperta.

giovedì 3 settembre 2009

Trovato un piccolo di rettiliano a Città del Messico

video su YouTube

A tutti gli utenti di facebook sarà capitato almeno una volta di fare uno di quei tanti quiz che circolano sul social network più famoso della rete. Ce n'è uno in particolare non molto conosciuto che, a seconda delle risposte date, di dice come morirai nel 2012. Una delle 15 morti possibili presenti nel quiz riguarda i rettiliani. Non tutti sanno che su internet circolano storie assurde riguardanti una super organizzazione composta da ibridi rettili-umani che controllerebbe il mondo. Non avete idea di quanta gente creda a questa cosa. Basta andare su you tube o cercare con goolge la parola "rettiliani" per farvene un'idea.
image
Oggi però c'è la possibilità che tutta questa storia abbia un fondo di verità. Infatti è saltata agli onori della cronaca una storia del 2007 riguardante un contadino messicano che ha ritrovato in un fossato un bambino rettialiano che, in preda al terrore, ha ucciso subito dopo. Potete leggere la storia completa andando sul forum dei misteri che frequento da poco, ma che ho trovato sin da subito molto interessante.

martedì 18 agosto 2009

Quegli sfigati!

Ci sono paesini nel cuore dell'alto Cilento che purtroppo oltre a soffrire delle conseguenze del processo sempre più accentuato dell'inurbamento e globalizzazione (calo demografico, senilizzazione, impoverimento economico e culturale), sono poco considerati anche da altri punti di vista. Da oltre 48 ore il paese di Sacco, di circa 660 abitanti, in provincia di Salerno, è isolato telefonicamente e nessuno ancora ha provveduto al ripristino del servizio, nonostante le numerose segnalazioni e sollecitazioni di quanti, parenti, amici, conoscenti, impossibilitati di contattare i loro cari, si sono rivolti al personale Telecom. Immaginiamo quali sarebbero state le reazioni degli interessati se invece si fosse creato lo stesso disservizio in una città o cittadina. Evidentemente esistono ancora i cittadini di serie A e di serie B.
Le cause del disservizio non sono ancora state rese note, ma quali che siano, è immorale e vergognoso che non siano state rimosse. Non dimentichiamo che gli abitanti del comune di Sacco sono in prevalenza persone anziane per le quali l'uso del telefono è di vitale necessità. Non basta che continuamente i servizi come l'elettricità, la rete idrica e altri servizi siano discontinui a seconda delle stagioni in modo assurdo, adesso ci si mette anche il servizio telefonico? Quanto ancora dovrà sopportare la popolazione del posto?
Almeno i servizi di informazione diano risalto a questa ingiustizia!

mercoledì 5 agosto 2009

Il puntino azzurro

video su youtube

Nei meandri della rete ho trovato una presentazione powerpoint talmente affascinante da dover essere riproposta convertita in filmato. Siccome il video originariamente era una presentazione powerpoint, la sua qualità non è ottimale, ma ovviamente metto a disposizione anche il link da cui scaricare la presentazione originaria leggermente diversa da quella del video per via di alcuni ritocchi che ho fatto.

domenica 19 luglio 2009

Anche io dedico un post ai giganti!

video su Google videos

In questo post si ritorna a parlare dell'origine dell'umanità e in particolare del mito dei giganti. La volta scorsa ho scritto una brevissima sintesi del libro "Genesi Biblica" scritto da un prete visionario che credeva di aver ricevuto da Dio fondamentali rivelazioni sull'origine dell'umanità e il peccato originale. Il testo racconta che l'umanità ai suoi albori era divisa in due ceppi: i figli di Dio e i figli degli uomini entrambi discendenti di Adamo che, come tutti sappiamo, si ritiene il primo uomo esistito sulla faccia della terra. Per maggiori info vedere qui.
Che differenza c'era tra i figli di Dio e i figli degli uomini? Secondo il prete visionario i figli di Dio avevano un'altezza media di 2 metri e 50 ed apparivano quindi come dei veri e propri giganti di intelligenza superiore e soprattutto in grado di parlare direttamente con Dio per via dello spirito divino che albergava in loro. Invece i figli degli uomini, nati dalla superbia e dal peccato originale purtroppo non solo erano privi dello spirito divino, ma erano anche menomati sia nel corpo che nella mente.
Forse non tutti sanno che i giganti, proprio come il diluvio universale, sono un mito presente in tutte le leggende e i testi sacri dell’umanità. Come se non bastasse tutti i testi sacri e le leggende riguardanti i giganti collocano la loro esistenza alle origini dell’umanità e la loro scomparsa prima del diluvio universale. La possibilità che in un passato dimenticato siano esistiti i giganti è prevista anche dalla stessa teoria evoluzionistica che non esclude, anzi, si basa sulla possibilità che da una specie, nel corso di milioni di anni, possano generarsi più razze o addirittura specie differenti per cui oggi ci troviamo di fronte ad una realtà in cui un chihuahua ed un cane di San Bernardo pur avendo grandezze molto differenti, sono Canidi della stessa specie. Se i cani avessero la stessa intelligenza dell'uomo chissà che reazione avrebbe un chihuahua nel vedere per la prima volta un cane di San Bernardo. Probabilmente penserebbe di trovarsi di fronte ad un gigante.
Femore di un gigante
Scheletro alto 5,80 metri
Purtroppo però i testi sacri e le varie leggende sui giganti non possono essere considerate una prova della loro esistenza perché non sono documenti storicamente attendibili. Esistono prove dell’esistenza dei giganti? Se vogliamo considerare gli innumerevoli ritrovamenti di ossa ed utensili, avvenuti un po' in tutto il mondo, appartenuti ad esseri umani dalla grandezza eccezionale come una prova dell'esistenza dei giganti, allora possiamo cominciare ad affermare che nella leggenda esiste un qualche fondo di verità.
La cosa più eccitante di tutta questa storia non sono le ossa e gli utensili ma quello che questi giganti, qualora fossero esistiti, ci avrebbero lasciato. Ipotizziamo per un attimo che la scienza sia stata tratta in inganno dalla rievoluzione della specie umana confusa con l'evoluzione vera e propria e che quindi l'homo sapiens sapiens non fosse nato 75.000 anni fa, ma molto prima. Allora, per gli storici e antropologi sempre più disorientati dai nuovi e vecchi ritrovamenti "misteriosi", che per i dogmi della storia ufficiale sono dei rebus così inquietanti da preferire ignorare il tutto, potrebbero cominciare a spiegarsi molte cose: dalla costruzione delle grandi opere di un passato più antico di quello che si ritiene ufficialmente, fino ad arrivare ai problemi che ci affliggono ai giorni d'oggi che potrebbero essere evitati o risolti imparando dallo studio del nostro antichissimo passato.
Ma perché i giganti si sarebbero estinti? Mi sono venute in mente due ipotesi abbastanza plausibili: la prima è che questi giganti, vivendo mediamente 200 anni fossero anche più lenti nel riprodursi rispetto ai figli degli uomini e quindi con il passare del tempo si siano estinti come è successo a migliaia di altre specie prima dell'arrivo dell'uomo; la seconda ipotesi si basa sulla natura xenofoba dell'uomo che tende a vedere nel diverso una minaccia. Questa seconda ipotesi trova conferma nelle leggende che vedono i giganti come esseri mostruosi con una dieta a base di sangue e carne umana e in più spiegherebbe anche come mai le differenze fra le razze delle altre specie terrestri siano così marcate ed innumerevoli rispetto alle differenze fra le razze della nostra specie che sono d'avvero minime.
Noi che purtroppo siamo solo dei curiosi appassionati, possiamo solo sperare di vivere abbastanza a lungo da vedere un giorno tutti questi dilemmi svelati.

lunedì 6 luglio 2009

Il corruttore sfoggia la sua arte

La tavola ha un'importanza fondamentale nella cultura del nostro Paese. Durante il pasto gli amici e la famiglia si uniscono e discutono insieme consolidando i legami e imparando a conoscersi sempre di più. Molti sottovalutano la sua importanza, ma si può tranquillamente dire che la tavola sia una delle usanze fondamentali non solo della nostra civiltà, ma di tutta l'umanità. Tuttavia, come tutte le cose, la tavola pur essendo qualcosa di buono e bello può essere usata per scopi malefici e meschini.
Paolo Maria NapolitanoLuigi MazzellaDue componenti della Corte Costituzionale, i giudici Paolo Maria Napolitano e Luigi Mazzella, che il 6 ottobre saranno chiamati a pronunciarsi sulla costituzionalità della legge 128 del 2008, più nota come Lodo Alfano, sono stati invitati a cena da Berlusconi. Alla cena hanno partecipato anche il Ministero della Giustizia Angelino Alfano, il presidente della commissione Affari Costituzionali del Senato (indagato per corruzione aggravata dal favoreggiamento a Cosa Nostra) Carlo Vizzini e la macchietta di Gianni Letta. È inutile chiedersi di cosa abbiano parlato durante il pasto...

domenica 5 luglio 2009

Creature misteriose

video su Libero


Tubifex
Briozoi
Qualche giorno fa una ditta di manutenzione di canali di scolo del North Carolina ha filmato nelle fogne di Raleigh probabilmente due colonie di Tubifex o forse dei Briozoi o comunque delle creature molto strane dalla forma inquietante, gelatinose e pulsanti attaccate alle pareti dei canali di scolo della cittadina USA.
Ovviamente la popolazione del posto si è alquanto preoccupata ma è stata subito tranquillizzata. Tuttavia dopo aver fatto un po' di ricerche ho scoperto che né i Briozoi né i Tubifex pulsano in quel modo come se fossero un'unica creatura e non tanti piccoli esseri che vivono in simbiosi.

lunedì 29 giugno 2009

Quanta nostalgia...

video su YouTube

La Guardia Nazionale Italiana è l'unica ufficiale depositaria di una divisa composta da:
  • pantaloni neri con banda gialla laterale
  • cappello rigido con visiera nero - kepi nero, o kaki, entrambi con aquila imperiale romana in alto e sottostante bottoncino tricolore, altresì, ruota solare
  • camicia color kaki - senape con l'effigie dell'aquila imperiale romana sul braccio sinistro, bandiera italiana sul braccio destro, ruota solare incandescente con fascia sul braccio sinistro, sull'avambraccio sinistro fascia divisionale con ricamata la scritta individuale dei vari gruppi di appartenenza. Sul pettorale destro scudetto con sovrimpresso
  • giubbotto in pelle nero ¾, altresì giacca a vento color nero - kaki modello sahariana
  • cinturone nero con spallaccio
  • cravatta nera
  • scarponcini neri – stivali
  • tessera di riconoscimento di appartenenza all’ente
  • tessera di riconoscimento con placca esclusivamente per gli appartenenti alle G.P.G.
Sole neroLa divisa di questi tipi va al di là di qualsiasi discorso e considerazione.
Anche se è troppo presto per definire la Guardia Nazionale Italiana e il suo partito l'ennesimo pericolo per la democrazia e per la libertà non si può negare che a prima vista diano una pessima impressione. Qualche fantasma di sicuro lo vogliono risuscitare e la cosa più interessante è che molti italiani nell'assistere a tutto questo esclamano scettici ed increduli: "È impossibile! Ma figurati!" Proprio come facevano inizialmente gli ebrei nel leggere le leggi razziali che li discriminavano.

Se siete interessati, a questo indirizzo potete firmare una petizione contro la G.N.I.

La cosa che rende ancor più preoccupante la faccenda è che questi fascistoidi hanno trovato un punto di incontro fondamentale con il terzo partito italiano, Lega Nord, proprio su una delle questioni fondamentali di sempre, l'immigrazione, oltre che sulle ronde. Il programma del Partito Nazionalista Italiano prevede, tra l'altro, di "impedire ogni nuova immigrazione di non-italiani". Essi infatti chiedono, o meglio pretendono, "che tutti i non-italiani che sono immigrati in Italia dopo il 31 dicembre 1977 vengano costretti a lasciare immediatamente il territorio nazionale". Si sta parlando di chissà quante persone che oltretutto dal '77 ad oggi avranno messo su famiglia qui in Italia. Cosa accadrà ancora? Sembra che il nostro paese stia sul punto di scoppiare!

domenica 28 giugno 2009

Cambio Banner

PCI Unione
Mi è stato detto che il vecchio banner che usavo per sponsorizzare il gruppo di politica che ho creato su Facebook insieme ad altri amici e compagni, era un po' troppo grande ed ingombrante e che quindi difficilmente qualcuno se lo sarebbe messo nel proprio sito o blog. Quindi ne ho fatto un altro più piccolo e modesto ma decisamente più accattivante perché dotato di un effetto trasparenza che scompare quando il mouse ci passa sopra (non succede con Explorer), sicuramente migliore di una semplice e forse anche fastidiosa gif animata. Spero che questo vi piaccia di più e che lo mettiate senza esitazione nelle vostre pagine web!

Ecco il nuovo banner-bottone:

PCI Unione

Copia ed incolla il codice qui di seguito nel tuo sito o blog per diffondere il piano di unione dei comunisti italiani
AvvisoIl codice del bottone viene alterato e non funziona correttamente se copiato dalla pagina tradotta automaticamente in un'altra lingua

Altri Bottoni del blog

Visto che siamo in tema ci sarebbero anche un altro paio di bottoni che ho fatto per sponsorizzare questo umile ed insegnificante blog a cui dedico una discreta perte del mio tempo.

Il blog ebbro

Inserisci il bottone del blog ebbro nel tuo sito o blog


Il blog ebbro

giovedì 25 giugno 2009

Dovreste sentirne il profumo...

Poltigli melmosa

In anteprima assoluta vi mostro la merda che sto mangiando tutti i giorni da più di una settimana a causa di un'operazione alla bocca per togliermi un dente del giudizio. Questa poltiglia melmosa è una delle poche cose che posso mangiare dal momento che non posso masticare ancora per qualche giorno.
Comunque sono abbastanza sicuro che in questo impasto ci sia anche la carne.

mercoledì 24 giugno 2009

Ulteriori chiarimenti

Ci sono stati ulteriori chiarimenti dall'ambasciata italiana a Praga circa la strana moltiplicazione dei voti che si è avuta fra le comunità di italiani residenti all'estero che hanno votato per l'europee di quest'anno.
Gentili Signori,

in esito alle istanze formulate dalle SS.LL. a questa Ambasciata, relative alla trasmissione delle richieste di chiarimenti alle competenti Autorità italiane, si rende noto che il Ministero degli Affari Esteri ha qui comunicato che una nota di chiarimento è stata inserita sul sito web del Ministero dell’Interno, che così legge:
I VOTI DEI RESIDENTI NELL'UNIONE EUROPEA SONO STATI SCRUTINATI INSIEME A QUELLI DEGLI ELETTORI TEMPORANEAMENTE ALL'ESTERO (ART.3,COMMA 4,DL N.3/09)

Detta nota richiama l’art. 3, comma 4, del DL 3/2009 che si riporta di seguito:

4. Ai fini dello scrutinio congiunto delle schede votate per corrispondenza dagli elettori di cui al comma 1, lettere a), b) e c), con le schede votate dagli elettori residenti all'estero, l'assegnazione dei relativi plichi è effettuata, a cura del presidente dell'ufficio centrale per la circoscrizione Estero, ai singoli seggi in modo proporzionale, in numero almeno pari a venti buste e, in ogni caso, con modalità tali da garantire la segretezza del voto, l'inserimento in una medesima urna e la verbalizzazione unica delle risultanze di tale scrutinio congiunto tra schede votate dagli elettori temporaneamente all'estero e schede votate da elettori residenti all'estero, anche provenienti da altro ufficio consolare o Stato della medesima ripartizione.

Si precisa che gli elettori di cui al comma 1, lettere a), b) e c) sono temporaneamente residenti nei Paesi extra - UE e precisamente:

a) appartenenti alle Forze armate e alle Forze di polizia temporaneamente all'estero in quanto impegnati nello svolgimento di missioni internazionali;
b) dipendenti di Amministrazioni dello Stato, di regioni o di province autonome, temporaneamente all'estero per motivi di servizio, qualora la durata prevista della loro permanenza all'estero, secondo quanto attestato dall'Amministrazione di appartenenza, sia superiore a tre mesi, nonché, qualora non iscritti alle anagrafi dei cittadini italiani residenti all'estero, i loro familiari conviventi;
c) professori universitari, ordinari ed associati, ricercatori e professori aggregati, di cui all'articolo 1, comma 10, della legge 4 novembre 2005, n. 230, che si trovano in servizio presso istituti universitari e di ricerca all'estero per una durata complessiva di almeno sei mesi e che, alla data del decreto del Presidente della Repubblica di convocazione dei comizi, si trovano all'estero da almeno tre mesi, nonché, qualora non iscritti alle anagrafi dei cittadini italiani residenti all'estero, i loro familiari conviventi.
Tanto si rende noto per debito di informazione.

Molto cordialmente,


Quelli del gruppo di Facebook creato per questa faccenda hanno svolto e stanno svolgendo un ottimo lavoro che presto farà piena luce su tutto. Tuttavia fra i quasi mille membri del gruppo ci sono molti mal pensanti (compreso me) che vedono complotti e brogli ovunque. Solamente un uomo riteneva e affermava tenacemente che ci potessero essere altre spiegazioni alle anomalie riscontrate nella Rep. Ceca come in altri posti, però veniva schernito e ridicolizzato un po' da tutti. Egli, come spiega nel suo blog, dopo un'attenta lettura della legge elettorale aveva perl'appunto maturato la convinzione che i voti dei residenti italiani all'estero potessero essere stati scrutinati insieme a quelli degli elettori temporaneamente all'estero. Questa teoria, più volte esposta all'interno del gruppo, ha provocato molte risatine ma ora non sembra più essere tanto assurda. Bravo Mattia! Eheheheheheheh!

domenica 21 giugno 2009

referendum: quali le conseguenze?

Quali saranno le conseguenze del referendum di oggi? Se vincerà il sì allora il premio di maggioranza sarà dato al partito che otterrà più voti e quindi il bipolarismo diventerà bipartitismo, come negli USA e in Inghilterra. Però detta così è troppo semplice.
I casi sono due. Potremo assistere ad un accentramento di tutti i poteri in mano ad un partito che nel caso del PdL è accentramento nelle mani di un solo uomo. La cosa positiva è che non sarà costretto a cedere alle richieste "nordiste" della Lega che sta dimostrando di essere molto creativa nel danneggiare il Meridione. Non bastava il federalismo fiscale, le ronde nere, adesso vorrebbe pure introdurre disparità di stipendio tra Nord e Sud, con la scusa del costo della vita più caro a Nord. Chissà cosa potrebbe tirare ancora fuori dal cappello, di questo passo. Votando sì gli effetti maggiori saranno contro la Lega, sperando che questo Governo, privato della sua nefasta influenza sia meno dannoso.
È pur vero che si potrà assistere ad un arretramento e scomparsa dei partiti minori (compreso il caro partito comunista), per non parlare dei nanetti, col rischio del venir meno del pluralismo democratico tanto caro alla nostra Costituzione. Non dimentichiamo però che i piccoli partiti che superano la soglia del 4% saranno sempre presenti in Parlamento e potranno, anzi dovranno svolgere un ruolo di controllo che è quello forse più importante in questa fase politica. Se riuscissero in questo compito non scomparirebbero certamente perché sarebbero necessari alla democrazia e quindi votati. Ne è un esempio il caso di Di Pietro. Se però così non fosse pagheremmo molto cara la famigerata "governabilità". Dobbiamo anche riconoscere che questa comporterebbe l'assunzione piena sia di oneri che di onori da parte di un partito che quindi dovrà rispondere agli elettori senza giustificazioni di sorta. Sarebbe, in tal modo, ripristinato il cosiddetto voto punitivo che è venuto a mancare con la confusione delle responsabilità che si è creata ogni volta che si facevano porcate e porcherie.
Giornale AuroraQuesti sono solo spunti di riflessione. Il fatto è che oggi, essendo venuta meno l'ideologia politica e dovendo orientarci ormai sulla base dei fatti e dei loro possibili sviluppi ogni riflessione può essere smontata e controbattuta a livello teorico. Nel 1953 si parlò di "legge truffa" per la proposta di un premio di maggioranza al partito che superasse il 50%; oggi verrebbe spontaneo parlare di "legge rapina". Ma sono cambiate le situazioni e le condizioni.
Quello che può preoccupare maggiormente è l'affermarsi della dittatura sotto nuove vesti da cui potremmo dificilmente liberarci e questo referendum fa sorgere proprio questa paura.
IN OGNI CASO OCCORRE TENERE GLI OCCHI BEN APERTI per capire in tempo l'evolversi dei fatti. Cosa che purtroppo gli italiani non sanno fare molto bene...

giovedì 18 giugno 2009

A caccia di voti

video su YouTube

Perdere la tessera elettorale è una cosa che accade piuttosto frequentemente. Accade, guarda caso, tutte le volte, ad una famiglia originaria dalle mie parti che, mantenendo la residenza in paese, lavora all'estero e torna per votare ad ogni tornata elettorale, non però gratis et amore dei ma per il maggiore offerente. Pensate che stiamo parlando di un paese nel cuore del Cilento, popolato da non più di 400 persone, dove le lotte politiche sono estremamente accese.Valle dell'Angelo
La famiglia dei venduti è composta da 7 persone e in queste elezioni per votare si sono fatti dare 2500 € a cranio. Se lo venissero a sapere i napoletani ci sarebbe un esodo di massa perché lì il prezzo del voto non supera i 50 €.
In pratica il prezzo del voto è direttamente proporzionale al numero degli abitanti: più gli abitanti sono pochi più il prezzo sale.
Questa volta è capitato che 2 di loro siano stati comprati dalla fazione attualmente in carica, mentre quella avversa se ne è assicurati 5. I due della fazione in carica, arrivati in un secondo momento, dovevano richiedere la tessera elettorale (quella che puntualmente perdono) e così accompagnati da 4 "bodyguards" sono saliti sul comune dove hanno incontrato non poche difficoltà. Il responsabile dell'ufficio apparteneva infatti allo schieramento avversario e sapendo che in un paesino così piccolo si vince sempre per pochissimi voti, ha cominciato a temporeggiare per non consegnare loro la tessera elettorale. Messo alle strette si è fatto venire un malore improvviso, chiudendo l'ufficio e scappando a casa.
Il tempo passava e lui non tornava, così si sono chiamati i carabinieri che pure hanno cominciato a temporeggiare perché anche loro dalla parte del sindaco in carica. Nel frattempo sono arrivati altri esponenti dei due schieramenti avversari e in piena civiltà si è arrivati alla rissa. Finalmente il responsabile dell'ufficio costretto dal maresciallo a sua volta costretto dalla minaccia di una denuncia, dopo un po' ha dovuto dare la tessera elettorale ai venduti.
Ma perché la politica di un paesino morente è scesa a questi livelli? Dopotutto alla fine chiunque vada non cambia niente, almeno per gli altri. Semplicemente un po' di sbornia di potere e soprattutto qualche soldino arraffato di qua e di là, più la possibilità di sistemare qualche parente e il gioco è fatto.
il dramma è che quello che in piccolo è accaduto e acontinua ad accadere in questo piccolo paese, mutatis mutandis, accade su vasta scala. La caccia al voto è diventato lo sport nazionale, in forme diversificate. A Battipaglia, con 600 arruolati, quasi uno per palazzo, la formazione delle liste è tale che ciascun candidato riesce a contattare condominio per condominio, strada per strada, parenti amici e conoscenti e la libertà di voto diventa una chimera. Quanti sono i voti veramente liberi? La moglie segue, se non vuole storie, il marito, i figli seguono il padre, il padre l'amico di turno, l'amico di turno il politico che promette a destra e a manca. Forse gli unici liberi sono solo quelli che si astengono. Sono finiti gli ideali politici. La stessa cosa sta accadendo in tutta la nazione che in questi anni sta attraversando un periodo di transizione caratterizzato da un'elevata corruzione e squallore. La Mafia, lo Stato nello Stato, si sta lentamente infiltrando in tutte le istituzioni cambiandole e causando così l'inesorabile crollo del sistema italiano.
Vittoria di LepantoCi troviamo alla fine di un ciclo e spero solo che questo non comporti il crollo della civiltà stessa come i più pessimisti affermano in questi casi.
D'altronde, per fare un esempio, anche quando crollò l'Impero romano d'Occidente molti ebbero a dire che la civiltà era finita e per certi versi fu veramente così, ma poi dopo un periodo di tempo piuttosto lungo cominciarono a fiorire i comuni e abbiamo avuto il nostro Rinascimento. Forse sarà così anche questa volta...

domenica 14 giugno 2009

C'era una volta...

Tempo fa vi era un mercante che aveva un anello speciale in grado di conferire a chi lo indossava forza e fermezza. Questo mercante aveva tre figli a cui voleva bene in ugual misura e quando arrivò il momento di lasciare in eredità il suo anello sapeva che a chiunque l'avesse dato fra i suoi figli, gli altri due sarebbero stati infelici, allora, fece fare tre anelli identici al primo per consegnarli ai suoi eredi, ma tenne per sè quello veramente speciale che portò nella tomba. Ciò nonostante i tre figli nel momento in cui indossarono gli anelli comuni si sentirono comunque forti e sicuri e da allora si dice che ogni uomo ha la sua ragione.

venerdì 12 giugno 2009

Ultimissime!

Ebbro times Città di Smeraldo

BASTA CON TUTTI QUESTI SOSPETTI! Il voto è fino ad oggi la massima espressione della democrazia però purtroppo dura solo qualche attimo. È normale che qualcuno si faccia clonare le schede per rivivere più volte questa esperienza... È una cosa perfettamente giustificabile e forse anche dovuta visto che ci viene data la possibilità di votare mediamente solo 3 o 4 volte nel corso di un decennio...
E in mezzo a tutta questa indignazione ingiustificata nessuno si è accorto che tutto questo in realtà dimostra che il bisogno di democrazia è stato così vivo e acceso da far moltiplicare i seggi e gli elettori. Non è una bella cosa questa?

Quando si esporta la democrazia...

Nella Repubblica Ceca lunedì 8 giugno c'erano solamente due seggi che però si sono moltiplicati come i conigli in Australia arrivando a dieci!
Non sapevo che lo stesso fenomeno degli animali importati in habitat diversi potesse valere anche per la democrazia italiana! Uahahahahahahah!

CORREZIONE!
* La magia della moltiplicazione dei seggi si è poi spiegata col fatto che le comunicazioni di cui parla il sito del ministero dell'interno sono le diverse Circoscrizioni, e quindi questo dato è l’unico a quadrare, perché 2 seggi x 5 Circoscrizioni fa 10 comunicazioni

Le sottoscritte liste pensavano di aver partecipato - e vogliono continuare a pensarlo ancora - ad una leale competizione elettorale.
Poi, essendo stati alcuni dei firmatari rappresentanti delle stesse nei 2 (DUE) seggi costituiti in Repubblica Ceca (dove tra Praga e Brno hanno votato 355 aventi-dirittto), nella mattinata di ieri lunedì 8 giugno ci si è accorti di qualcosa di quanto meno strano.
Sembrava che i seggi in tale Paese fossero in realtà diventati 10.
Nel sito del Ministero dell'Interno, piano piano venivano inseriti voti e votanti.
I dati relativi agli italiani che hanno votato in Repubblica Ceca davano circa 600 voti validi con un elevato numero di voti per il PdL.
Alla fine, il Viminale indicava il dato finale (10 sezioni, in realtà ce n'erano solo 2).
I voti arrivavano addirittua a 678, con 333 voti al PdL. Circa il doppio dei votanti reali.

dipinto
dov'erano le schede ?!?
Facendo un'analisi più attenta, ci siamo accorti che nella Circoscrizione III (votanti per l'Italia centrale) della Repubblica Ceca, il senso civico dell'elettorato raggiungeva punte invidiabili, avendo lì votato il 103% degli aventi-diritto.
Per chi aveva votato la parte "fantasma" ? Per il Pdl.
Questo, confrontato con altri dati europei, ad esempio la Bulgaria dove ha votato il 100% degli iscritti (premettiamo che all'estero la percentuale raggiunge, per le europee, mediamente il 20) e vedendo anche
per chi si era votato in Bulgaria, ci ha fatto riflettere ancor di più.

In Lettonia ha votato il 100%, dimostrando anche lì enorme senso civico! Per chi avranno votato?
Elezioni europee ed amministrative del 6 - 7 giugno 2009 | LETTONIA
A Cipro ha votato quasi il 70% degli aventi diritto, quasi come Roma ! E per chi ?
Abbiamo immediatamente scritto al Consolato di Praga, siamo in attesa di risposte ufficiali.
Ci chiediamo inoltre dove possa essere avvenuto il piccolo "errore".
Non qui a Praga e Brno, sicuramente, dove i Presidenti di seggio hanno sigillato dei verbali firmati da tutti i componenti del seggio stesso nonché dai rappresentanti di lista.
Probabilmente neanche a Castelnuovo di Porto, dove i voti sono stati scrutinati, perché lì erano presenti anche i rappresentanti di lista.
L'errore dovrebbe quindi, per esclusione, essere avvenuto dopo, e cioè in fase di inserimento dei dati ? Ma, se è così, per QUANTE SEZIONI si può aver sbagliato ?
La risposta potrebbe essere davvero inquietante.
Abbiamo chiesto, attraverso l'Ambasciata d'Italia a Praga, al Ministro degli Interni una risposta immediata.

I rappresentanti di lista e/o dei partiti in Repubblica Ceca del PRC-PdCI, PD ,IdV

È bello sapere che nonostante il complotto internazionale della stampa e dei media esteri contro il Cavaliere, gli elettori residenti all'estero non si siano lasciati influenzare e alla fine abbiano con forza deciso ancora una volta di fidarsi del sorriso di Berlusconi e del suo sguardo da vecchio marpione e truffatore.
Tuttavia fa sempre un certo effetto vedere i seggi della Rep. Ceca moltiplicarsi come i conigli in Australia! Uahahahahahahahahah! Evidentemente il bisogno di democrazia è stato così vivo e acceso da far moltiplicare i seggi e gli elettori.
Secondo Lutero gli italiani ingannavano facilmente già all'epoca sua e sicuramente questa caratteristica non è scomparsa con il tempo. Infatti il nostro è un paese dove si pensa solo a raggirare regole e leggi e siccome questo berlusconismo, come diceva Montanelli, è la feccia che risale il pozzo, sono sicuro che tutte queste pessime caratteristiche del nostro popolo sono in vertiginoso aumento. Speriamo solo che abbiano raggiunto il loro apice in questi anni e che tutta la corruzione che c'è non continui ad aumentare. SPERIAMO CHE IL BERLUSCONISMO ABBIA RAGGIUNTO IL SUO APICE!

Comunque sia vi invito, visti i tempi, ad essere sempre sospettosi e a dubitare della regolarità delle cose perché come diceva Andreotti: "A pensare male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca" soprattutto in Italia quando ci sono interessi di mezzo.
DOBBIAMO SEMPRE ESSERE VIGILI E ACCERTARCI DI TUTTO!

sabato 6 giugno 2009

Milioni di storie ebbre

video su YouTube
Video tratto da "La voce di Pasolini".
La poesia "Profezia" è recitata da Toni Servillo.

Alì dagli Occhi Azzurri
uno dei tanti figli di figli,
scenderà da Algeri, su navi
a vela e a remi. Saranno
con lui migliaia di uomini
coi corpicini e gli occhi
di poveri cani dei padri
sulle barche varate nei Regni della Fame. Porteranno con sè i bambini,
e il pane e il formaggio, nelle carte gialle del Lunedì di Pasqua.
Porteranno le nonne e gli asini, sulle triremi rubate ai porti coloniali.

Sbarcheranno a Crotone o a Palmi,
a milioni, vestiti di stracci
asiatici, e di camice americane.
Subito i Calabresi diranno,
come malandrini a malandrini:
«Ecco i vecchi fratelli,
coi figli e il pane e formaggio!»
Da Crotone o Palmi saliranno
a Napoli, e da lì a Barcellona,
a Salonicco e a Marsiglia,
nelle Città della Malavita.
Anime e angeli, topi e pidocchi,
col germe della Storia Antica,
voleranno davanti alle willaye.

Essi sempre umili
essi sempre deboli
essi sempre timidi
essi sempre infimi
essi sempre colpevoli
essi sempre sudditi
essi sempre piccoli,
essi che non vollero mai sapere, essi che ebbero occhi solo per
implorare,
essi che vissero come assassini sotto terra, essi che vissero come
banditi
in fondo al mare, essi che vissero come pazzi in mezzo al cielo,

essi che si costruirono
leggi fuori dalla legge,
essi che si adattarono
a un mondo sotto il mondo
essi che credettero
in un Dio servo di Dio,
essi che cantarono
ai massacri dei re,
essi che ballarono
alle guerre borghesi, essi che pregarono
alle lotte operaie...

...deponendo l’onestà
delle religioni contadine,
dimenticando l’onore
della malavita,
tradendo il candore
dei popoli barbari,
dietro ai loro Alì
dagli Occhi Azzurri – usciranno da sotto la terra per rapinare –
saliranno dal fondo del mare per uccidere, – scenderanno dall’alto del
cielo
per espropriare – e per insegnare ai compagni operai la gioia della vita –

per insegnare ai borghesi
la gioia della libertà –
per insegnare ai cristiani
la gioia della morte
– distruggeranno Roma
e sulle sue rovine
deporranno il germe
della Storia Antica.
Poi col Papa e ogni sacramento
andranno come zingari
su verso l’Ovest e il Nord
con le bandiere rosse
di Trotzky al vento...