martedì 18 agosto 2009

Quegli sfigati!

Ci sono paesini nel cuore dell'alto Cilento che purtroppo oltre a soffrire delle conseguenze del processo sempre più accentuato dell'inurbamento e globalizzazione (calo demografico, senilizzazione, impoverimento economico e culturale), sono poco considerati anche da altri punti di vista. Da oltre 48 ore il paese di Sacco, di circa 660 abitanti, in provincia di Salerno, è isolato telefonicamente e nessuno ancora ha provveduto al ripristino del servizio, nonostante le numerose segnalazioni e sollecitazioni di quanti, parenti, amici, conoscenti, impossibilitati di contattare i loro cari, si sono rivolti al personale Telecom. Immaginiamo quali sarebbero state le reazioni degli interessati se invece si fosse creato lo stesso disservizio in una città o cittadina. Evidentemente esistono ancora i cittadini di serie A e di serie B.
Le cause del disservizio non sono ancora state rese note, ma quali che siano, è immorale e vergognoso che non siano state rimosse. Non dimentichiamo che gli abitanti del comune di Sacco sono in prevalenza persone anziane per le quali l'uso del telefono è di vitale necessità. Non basta che continuamente i servizi come l'elettricità, la rete idrica e altri servizi siano discontinui a seconda delle stagioni in modo assurdo, adesso ci si mette anche il servizio telefonico? Quanto ancora dovrà sopportare la popolazione del posto?
Almeno i servizi di informazione diano risalto a questa ingiustizia!

2 commenti:

  1. molto intiresno, grazie

    RispondiElimina
  2. La ringrazio per intiresnuyu iformatsiyu

    RispondiElimina

Scrivi i tuoi commenti con la semplicità e la sincerità di un ebbro