lunedì 7 settembre 2009

Il centro di massa delle terre emerse

L'asse polare terrestre si sposta compiendo una rotazione completa ogni 26.000 anni. Ne risulta che la posizione delle stelle nel cielo, cambia con il passare del tempo. Pare che i Maya si fossero accorti di questa cosa ed è per questo che hanno fatto il calendario più lungo di sempre! Quasi 26.000 anni. Se è vero il detto "anno nuovo vita nuova" e che per questo ogni primo gennaio si buttano le cose vecchie, immaginate cosa doveva essere per i Maya con il loro calendario spropositato!
Dico questo perché le stelle che vediamo oggi si trovano in posizioni diverse rispetto a quando le piramidi furono costruite.
Quando nel 1964 l'astronoma Virginia Trimble ricostruì al computer il cielo dell'epoca delle piramidi scoprì che l'angolo del canale meridionale della camera del faraone, all'interno della Grande Piramide, punta esattamente sulla costellazione di Orione.
Siccome alcuni geroglifici trovati all'interno delle piramidi dicono che Osiride, dio della morte e della resurrezione, dimora in un luogo non precisato della volta celeste, è facile ipotizzare che forse la sua dimora si trovi nei pressi della costellazione di Orione.
Ad avvalorare questa ipotesi c'è un'ulteriore scoperta fatta nell'84 da Robert Bauval che dimostrò come lo schema delle 3 piramidi di Giza, riproduce esattamente quello delle 3 stelle: Delta, Epsilon e Zeta Orionis, che compongono la cintura di Orione. Egli inoltre notò che la data in cui la costellazione di Orione, nel suo moto apparente dovuto allo spostamento dell'asse terrestre, si trovava nel suo punto più basso era il 10.500 a.C., mentre le piramidi secondo la storia ufficiale sarebbero state costruite solo 8.000 anni più tardi.
Per gli antichi egizi il punto più basso all'orizzonte era di particolare importanza, dato che rappresentava l'inizio del tempo, essendo quello il momento in cui il dio Osiride, simboleggiato dalla costellazione di Orione, era nato.

Queste sono cose risapute, ma ora viene il bello: quando nel 1884, a New York, fu selezionato il meridiano di riferimento, una della proposte fu di non utilizzare il meridiano di Greenwich, bensì quello che passava per la Grande Piramide.
La cosa sarebbe forse stata più appropriata, visto che dividendo la massa terrestre in parti uguali, il parallelo est-ovest e il meridiano nord-sud, si incrociano esattamente in un punto, sulla Grande Piramide. La domanda sorge spontanea: come cazzo facevano gli egiziani o comunque la civiltà che ha costruito le piramidi a conoscere esattamente il centro di massa delle terre emerse compreso l'Antartide?
Non so se vi rendiate conto della portata di questa scoperta.

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi i tuoi commenti con la semplicità e la sincerità di un ebbro