giovedì 28 luglio 2011

Bella Ciao, un altro mondo è possibile


Sono passati ben 10 anni dalla morte di Carlo Giuliani e dal G8 di Genova, l'evento più truculento della storia recente del nostro bel Paese e fra gli artefici dei misfatti compiuti in quei giorni dalle forze dell'ordine, c'è chi è stato addirittura promosso. Non tutti sanno che il termine "macelleria messicana" non è un'invenzione giornalistica: è stato utilizzato da, Michelangelo Fournier, all'epoca del G8 del 2001 a Genova vicequestore aggiunto del primo Reparto Mobile di Roma, i così detti celerini. Fu un termine che utilizzò per descrivere quello che vide al momento dell'irruzione nella scuola Diaz. Coloro che hanno diversamente pagato per i crimini commessi si trovano abbastanza facilmente facendo un po' di ricerca online. I più famosi sono Alessandro Perugini, che ha preso a calci in faccia un ragazzo a terra inerme e Spartaco Mortola, condannato per i falsi dei verbali di arresto della scuola Diaz e per l'induzione alla falsa testimonianza del questore di Genova. Il primo è oggi dirigente della polizia ad Alessandria, mentre il secondo è stato promosso a questore di Genova, proprio per dire che le istituzioni promuovono chi compie atti criminali nei confronti dei cittadini.
Ma oltre alle forze dell'ordine è stato scoperto esserci qualche criminale anche tra i medici che hanno prestato soccorso ai ragazzi arrestati, come Giacomo Toccafondi: medico in mimetica macchiatosi di sevizie di "particolare crudeltà" nei confronti dei ragazzi arrestati e trattenuti presso la caserma di Bolzaneto, promosso a medico dirigente nell'ASL 3 di Genova. C'è qualcosa di estremamente malvagio e pericoloso dietro tutto questo. Anche perché che interesse aveva la politica a proteggere questi individui, come racconta Marco Poggi nel video a sinistra? E perché oltre a non essere stati allontanati dai loro ruoli sono stati addirittura promossi? Evidentemente c'è sotto un'organizzazione abbastanza potente nettamente orientata al male.

Articoli correlati: "L'eclisse della democrazia: un libro sulla violenza del potere"

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi i tuoi commenti con la semplicità e la sincerità di un ebbro